Proroga dichiarazione IVA 2017: ultime novità a poche ore dalla scadenza

Dichiarazione IVA 2017, novità dell’ultima ora: non ci sono ancora notizie in merito ad una eventuale proroga, ecco perché sembra non esserci più alcuna speranza.

Dichiarazione IVA 2017, si avvicina la scadenza di martedì 28 febbraio ma ormai non ci sono più speranze per una proroga dell’ultima ora. Quindi, tutti coloro che non invieranno la dichiarazione entro domani avranno tempo altri 90 giorni per farlo ma dovranno pagare una sanzione di 25€

La proroga della dichiarazione IVA sarebbe stata molto utile per i commercialisti che quest’anno sono alle prese con una mole di adempimenti fiscali, dopo lo stravolgimento del D.L. 193/2016 e l’approvazione del Milleproroghe che non hanno fatto altro che rallentare la macchina dei lavori.

Vi ricordiamo che la scadenza è stata anticipata solo per quest’anno al 28 febbraio. La dichiarazione IVA, che nel 2017 non può essere presentata in forma unificata con il modello Unico 2017, dal prossimo anno avrà una scadenza fissata per il 30 aprile, con la speranza che non si ripetano più questi problemi.

Quando mancano poche ore alla data di scadenza, quindi, le speranze di una proroga IVA 2017 sono ridotte al lumicino. Si tratta quindi dell’ennesimo buco nell’acqua dopo quello del Consiglio dei Ministri fiscale del 23 febbraio 2017 e quello del Milleproroghe

Ma per quale motivo si è deciso per un no? Ecco perché alla fine non c’è stata la proroga della dichiarazione IVA 2017. 

Proroga dichiarazione IVA 2017,ecco perché si va verso il no

Con la scadenza fissata al 28 febbraio, non sono in pochi ad aver riscontrato dei problemi nel riuscire a trasmettere la dichiarazione IVA in tempo. Ecco perché mai come quest’anno la proroga IVA è richiesta a gran voce.

Sembra però che le richieste dei commercialisti resteranno inascoltate poiché mancano solo poche ore alla scadenza e difficilmente l’Agenzia delle Entrate e il Ministero dell’Economia e delle Finanze prenderanno una decisione last minute. Certo, mai dare nulla di scontato ma in questo caso sembra praticamente impossibile che ci sia una proroga.

In realtà nei giorni scorsi ci sono state delle piccole aperture da parte del Governo che con l’approvazione del Milleproroghe ha scelto di prorogare la scadenza dello spesometro che, esclusivamente per il 2017, non sarà trimestrale ma semestrale.  Prorogata anche la scadenza per l’invio dei dati per le ristrutturazioni condominiali, che passa al 7 marzo 2017.

Perché quindi non concedere la proroga anche per la dichiarazione IVA visto che la maggior parte dei commercialisti ha riscontrato gli stessi problemi? Per la dichiarazione IVA il discorso è differente poiché questo adempimento si basa su delle regole fissate direttamente dall’Unione Europea, ed è per questo che il nostro Paese non effettuare variazioni autonomamente.

Salvo novità dell’ultima ora, quindi, sembra esclusa la possibilità di una proroga IVA nel 2017. Ne sapremo di più domani, non ci resta che incrociare le dita e sperare in qualche sorpresa insperata. 

Vi ricordiamo comunque che dopo la scadenza avrete 90 giorni di tempo per inviare la dichiarazione IVA pagando una sanzione di 25€ per l’invio tardivo. Per chi invece non dovesse rispettare il termine dei 90 giorni, la dichiarazione sarebbe considerata omessa a tutti gli effetti.