Passaporto: come fare la richiesta, costi e tempi per il rilascio

Come fare il passaporto elettronico? Tempi, invio della domanda, moduli da presentare e novità sul passaporto dei minori.

Come fare il passaporto?

L’estate 2016 si avvicina e molti di voi avranno prenotato un viaggio verso una meta esotica che si trova fuori dall’Europa.

In questi casi per viaggiare avrete bisogno del passaporto, il documento rilasciato ai cittadini italiani che per i maggiorenni ha durata decennale. Inoltre, qualora vi siete accorti che con il passare del tempo il passaporto è scaduto dovrete fare nuovamente la richiesta. Infatti, il rinnovo del passaporto non è più possibile quindi alla scadenza dovrete richiedere l’emissione di un nuovo documento.

Fare il passaporto però non è difficile basta presentare in tempo la richiesta. Di seguito vi daremo tutte le informazioni su come fare il passaporto: richiesta, tempi e costi per il rilascio, documenti da presentare e novità sul passaporto dei minori.

Passaporto elettronico

Dal 20 maggio 2010, come stabilito dalla normativa europea, il passaporto rilasciato ai cittadini italiani è di tipo elettronico.

Il passaporto elettronico è formato da un libretto di 48 pagine, mentre la copertina ha un chip elettronico che contiene tutte le informazioni utili per il riconoscimento del titolare: dati anagrafici, foto e impronte digitali. Inoltre, nella seconda pagina del passaporto elettronico è presente la firma digitalizzata del titolare, tranne nel caso in cui si tratti di un minore di 12 anni, di un analfabeta o di qualsiasi altra persona che ha presentato un certificato che attesta la presenza di una impossibilità fisica che impedisce l’apposizione della firma.

Nei casi espressi qui sopra, il passaporto elettronico non presenterà la firma elettronica ma la dicitura “Esente”.

Come fare il passaporto? Invio della domanda

La domanda per il rilascio del passaporto va presentata alla Questura della propria zona di residenza. In alternativa, la richiesta per il passaporto va fatta ai seguenti uffici del luogo di residenza, domicilio o dimora:

  • ufficio Passaporti del commissariato di Pubblica Sicurezza;
  • stazione dei carabinieri.

Tuttavia, c’è un modo più semplice e veloce per fare il passaporto. Infatti la Polizia di Stato ha messo a disposizione degli utenti un nuovo servizio, che trovate sul sito di “Agenda Passaporto”. In questo modo potrete fare la richiesta di passaporto online, oppure potrete prenotare la data e in luogo in cui volete presentare la domanda evitando le lunghe attese.

Come fare il passaporto? I documenti da presentare

Per prima cosa dovrete compilare il modulo per la richiesta. Ricordate che quello dei maggiorenni è diverso da quello dei minori, quindi attenzione a non confondervi.

Per scaricare i moduli cliccate sui link che trovate di seguito:

Insieme alla domanda per il rilascio del passa bisogna allegare diversi documenti. Vi ricordiamo che il passaporto verrà rilasciato solo quando avrete presentato la documentazione completa, quindi per non perdere tempo vi consigliamo di prendere nota di quanto segue.

Ecco quali documenti allegare alla presentazione della domanda:

  • modulo stampato;
  • documento di riconoscimento valido;
  • 2 foto tessera;
  • ricevuta del pagamento di 42,50€ che va fatto tramite bollettino di conto corrente n. 67422808 intestato a: “Ministero dell’Economia e delle Finanze – Dipartimento del tesoro”. La causale è “importo per il rilascio del passaporto elettronico”.
  • contrassegno amministrativo da 73,50€.

Infine, ricordiamo che a partire dal 24 giugno la tassa annuale per il passaporto ordinario, pari a 40,29€ è stata abolita. Quindi tutti i passaporti saranno validi fino alla data di scadenza senza che ogni anno venga pagata la tassa.

Come fare il passaporto? I tempi di consegna

Dopo che la domanda è stata presentata completa di tutta la documentazione richiesta, il passaporto viene consegnato in pochi giorni, a volte anche a vista. Tutto dipende dalla Questura e dal numero di domande inoltrate. Tuttavia, chi richiede il passaporto presso un ufficio del proprio luogo di domicilio, e non di residenza, deve considerare che i tempi necessari per il rilascio potrebbero essere più lunghi. Infatti ci sono dei tempi da rispettare per i controlli previsti dalla legge. Inoltre, in questo caso il rilascio del passaporto è condizionato al nulla osta al rilascio che va richiesto alla Questura di residenza.

Come ricevere il passaporto a casa?

A partire dal 27 ottobre 2014, il passaporto viene recapitato direttamente all’indirizzo indicato da chi lo ha richiesto. Infatti è stato istituito il servizio “Passaporti a domicilio” che ha un costo di soli 8,20€.

Chiunque ne voglia approfittare deve:

  • compilare la busta di Poste Italiane che gli è stata consegnata dalla Questura o dal Commissariato;
  • consegnarla sul posto all’Ufficio Passaporti indicando l’indirizzo del domicilio presso il cui si vuole ricevere il passaporto;
  • a questo punto gli verrà consegnata una ricevuta che conferma la riuscita dell’operazione che contiene il track number con cui tracciare la spedizione sul sito di Poste Italiane.

Come fare il passaporto a un minore?

A partire dal 27 giugno del 2012 anche per i minori è obbligatorio il passaporto. Infatti, a partire da questa data l’iscrizione del minore sul passaporto del genitore non è più valida.

Per fare il passaporto al minore la procedura è la stessa di quella da seguire per il rilascio del documento per i cittadini italiani maggiorenni. Tuttavia, per richiedere il passaporto di un minore è richiesta la firma di entrambi i genitori, anche se separati. Un’altra differenza riguarda la scadenza del passaporto di un minore. Nel dettaglio, per i minori di età compresa tra 0 e 3 anni la validità è triennale, mentre per quelli dai 3 ai 18 anni la validità è quinquennale.

Inoltre, in molti non sanno che anche per il rilascio del passaporto di un genitore del minore è richiesta la firma dell’altro. Non importa se si tratti di coniugati, separati, o divorziati, il consenso dell’altro genitore è sempre richiesta al fine di tutelare il minore.

La firma deve essere firmata di fronte al Pubblico Ufficiale, o presso l’ufficio in cui si presenta la documentazione. Qualora l’altro coniuge non può presentarsi, il richiedente deve presentare:

  • una fotocopia del documento del genitore assente firmata in originale;
  • una dichiarazione scritta di assenso all’espatrio, anch’essa firmata in originale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *