Assegno una tantum 350 euro: ecco quando verrà pagato

L’assegno una tantum da 350 euro lordi sarà pagato ad ottobre, c’è la data. Nel frattempo fa discutere la mancata riparametrazione per lo stipendio delle Forze di Polizia.

Continua a far discutere la mancata introduzione dei nuovi parametri per lo stipendio delle Forze di Polizia, ma nel frattempo arrivano delle notizie confortanti in merito all’assegno una tantum relativo alle ultime mensilità del bonus sicurezza.

Come vi avevamo anticipato questo mese NoiPA ha aggiornato il proprio sistema adeguandosi alle novità del riordino delle carriere: a partire da ottobre 2017 quindi le Forze Armate avrebbero dovuto beneficiare di un aumento di stipendio grazie all’introduzione dei nuovi parametri. Ma non è andata per tutti così: i dipendenti delle Forze di Polizia, infatti, non hanno ricevuto i suddetti adeguamenti sullo stipendio, tant’è che in alcuni casi la retribuzione è perfino più bassa di quella di settembre.

Si va dai 15 euro ai 50 euro in meno; insomma, dei vantaggi del riordino nemmeno l’ombra.

Del motivo che ha portato al mancato adeguamento dei parametri stipendiali ne parleremo di seguito, prima vogliamo affrontare un altro “tema caldo” tra le Forze Armate: il bonus una tantum da 350 euro (lordi). 

Per questi giorni, infatti, era stato annunciato il pagamento delle ultime mensilità previste del bonus sicurezza, poiché come previsto dal riordino non verrà pagato ogni mese ma in un’unica soluzione per tutto il 2017.

Forze Armate, bonus una tantum sicurezza: quando sarà pagato

Nei giorni scorsi NoiPA ha confermato che l’assegno una tantum sarà pagato dal 1° di ottobre, ma ad oggi non c’è stato alcun versamento. Tant’è che sui social network impazzano le polemiche dei dipendenti del comparto sicurezza che accusano l’amministrazione di averli “presi in giro ancora una volta“.

Sembra però che non ci sia da preoccuparsi, dal momento che il versamento del bonus una tantum ad ottobre non sembra essere in discussione. Secondo alcune indiscrezioni, infatti, l’amministrazione ha dato il via libera per il versamento dei 240 euro netti – 80 euro per le mensilità di ottobre, novembre e dicembre 2017 – tant’è che NoiPA procederà con un emissione speciale in data 19 ottobre.

Questo giovedì quindi la lunga attesa dovrebbe essere ripagata, mentre il bonus sicurezza verrà messo definitivamente in archivio.

Polizia di Stato: le motivazioni della mancata riparametrazione

L’assegno una tantum risolleverà gli umori dei dipendenti della Polizia di Stato, delusi dal cedolino NoiPA di ottobre.

L’assenza dei nuovi parametri infatti ha comportato un ribasso della retribuzione, per una media di -30€ per dipendente. I sindacati non hanno perso l’occasione per scagliarsi contro l’amministrazione, ma ci ha pensato la Direzione Centrale per le Risorse Umane a fare chiarezza sull’accaduto.

Questa ha dichiarato che il problema di ottobre ha riguardato:

  • Assistenti Capo con 5 anni nella qualifica;
  • Sovirintendenti Capo con 4 anni nella qualifica;
  • Nuove figure giuridiche per le quali è stato necessario predisporre apposito decreto giuridico.

Le cause del ritardo quindi sono da imputare al guasto verificatosi lo scorso aprile sulle apparecchiature del Cenaps, il quale ha “inevitabilmente determinato strascichi nelle attività in corso nei mesi successivi“. Per novembre comunque la situazione dovrebbe essere risolta, come confermato dalla stessa Direzione Centrale.

Un piccolo rinvio quindi che non mette a rischio l’introduzione dei nuovi parametri; anzi, è molto probabile che a novembre verranno pagate anche le somme che sarebbero spettate questo mese in caso di riparametrazione.