Limite di età concorsi militari ridotto: decreto per ringiovanire le Forze Armate

Si riduce l’età minima per accedere ai concorsi pubblici per i militari. La decisione è scaturita per l’età media troppo alta delle Forze Armate. Di seguito tutte le novità.

Il limite di età per i concorsi pubblici di arruolamento dei militari in forze è stata ufficialmente ridotta: ecco l’ultima novità del 2017 per le Forze Armate che contano un’età media altissima.

Per evitare squilibri all’interno dell’area operativa, il Capo della Polizia Franco Gabrielli  ha deciso di intervenire immediatamente abbassando la soglia minima degli anni per partecipare ai concorsi militari. Lo stesso è entusiasta per gli interventi del Governo sulla Legge di Bilancio 2017. Infatti, proprio per questo,Gabrielli ha stanziato un fondo risorse di circa 977 milioni di euro per il rinnovamento delle Forze Armate.

Ora passiamo all’argomento principale, ovvero quali saranno i nuovi limiti nei concorsi delle Forze Armate e quali sono le misure previste per lo svecchiamento dei militari.

Fino a che età si possono fare i concorsi per le forze armate?

limite eta concorsi militari

I bandi di concorsi delle Forze Armate prevedono dei requisiti di accesso alle selezioni molto stringenti per chi vuole provare la carriera da militari. Il più restrittivo è appunto il limite di età minima delle nuove reclute della Polizia di Stato, scesa a:

  • 26 anni per la qualifica iniziale di agente e per la qualifica di assistente;
  • 28 anni per il ruolo di Ispettore (considerando così una progressione di carriera per il ruoli dirigenziali molto più realistica);
  • 30 anni per i funzionari di pubblica sicurezza, ma occorrerà rivalutare anche i successivi sviluppi del riordino delle carriere che deve essere ancora approvato ufficialmente.

Come è possibile constatare, un notevole abbassamento dell’età media dei militari in forze visto che ad oggi si aggira sui 45 anni.

Il riordino delle carriere, infatti, aveva già fatto trapelare qualche sospetto sulla progressione di alcune carriere. Unico problema riguarda l’equilibrio nel rapporto tra reclutamento e congedi che è assolutamente insostenibile. Tale decisione infatti ha reso anche la Corte dei Conti scettica sulla questione.

Nuovi concorsi pubblici e riordino delle carriere

I nuovi limiti di età nei concorsi pubblici  non saranno immediati, arriveranno in futuro. Ma proprio in questo mese, come già anticipato in un articolo precedente, la Polizia di Stato pubblicherà un nuovo bando di concorso per 1148 Allievi Agenti a cui potranno civili e militari, ma è ancora incerto se i nuovi parametri di età minima poc’anzi esposta riguarderà anche quest’ultimo reclutamento.

Inoltre Gabrielli coglie l’occasione della conferenza stampa indetta per annunciare le novità dei concorsi, per ribadire uno dei grandi problemi che affligge il mondo della Polizia di Stato: la sproporzione tra gradi inferiori e medi nel riordino delle carriere. Infatti i gradi più bassi sono di gran lunga superiori sui secondi (in numero dell’8%).

Tale “gap” potrà essere colmato proprio con quest’ultima riforma delle forze armate, ovvero abbassando l’età media dei militari in forze alla fonte senza incorrere a errori come nel caso “Luogotenente” le quali ripetute modifiche alle carriere hanno reso poco realistici i meccanismi introdotti dal riordino delle carriere e modifiche alle progressioni.