OSS riconosciuti e con un nuovo contratto: ma in realtà non è cambiato nulla

Gli Operatori Socio Sanitari – nonostante il nuovo contratto e l’avvenuto riconoscimento – non sono soddisfatti del loro futuro professionale. Ecco perché la ragione è dalla loro parte.

È notizia di pochi giorni l’accordo tra l’Aran e i sindacati delle professioni sanitarie per il nuovo contratto del comparto Sanità. Un accordo che riguarda anche gli Operatori Socio Sanitari ai quali viene garantito un aumento di stipendio mensile di circa 84€ lordi.

Chi sperava che il contratto colmasse le lacune del Ddl Lorenzin – con il quale gli OSS sono stati riconosciuti come professionisti dell’aera sanitaria – è rimasto deluso.

Con il nuovo CCNL Sanità, infatti, vengono solamente salvaguardate le norme che regolano l’orario di lavoro di infermieri e OSS che lavorano a turni, mantenendo l’obbligo delle 11 ore di riposo tra un turno e un altro.Inoltre viene riconosciuto il tempo impiegato per la vestizione e la svestizione, per un totale di 15 minuti per ogni turno.

Per il resto, però, gli OSS continuano a non avere una normativa chiara e definita dal momento che dall’approvazione del Ddl Lorenzin tutto tace in merito all’approvazione dei decreti attuativi con i quali definire in maniera chiara le mansioni di competenza degli OSS, oltre a quello sulla formazione che dovrà essere emanato di concerto con il MIUR.

Rispetto ad un anno fa, quindi, gli OSS hanno un nuovo contratto (solo quelli impiegati nelle strutture pubbliche) e sono entrati a far parte dell’area socio sanitaria; dal punto di vista pratico, però, le novità sono ben poche.

Perché per gli OSS è un riconoscimento a metà

L’approvazione del Ddl Lorenzin con il quale gli OSS sono stati inseriti nell’area socio sanitaria – e quindi riconosciuti come personale tecnico e non più amministrativo – ha lasciato l’amaro in bocca agli addetti ai lavori. Questo perché il testo di legge approvato mancava di tutti gli emendamenti che potevano dare alla “categoria una professionalità maggiore“, come dichiarato da Angelo Minghetti, maggiore rappresentante del MIGEP. Il testo di legge, infatti, manca di una norma che definisca in maniera chiara le competenze degli OSS, evitando sovrapposizioni con gli infermieri.

Inoltre, ancora oggi manca un decreto attuativo che indichi il percorso di formazione per l’accesso a questa professione. Senza dimenticare poi che il Ddl Lorenzin non prevede l’istituzione di un albo professionale degli OSS; ecco perché per molti si è trattato di un riconoscimento a metà.

Nel Ddl Lorenzin si legge che la definizione di una normativa specifica per gli OSS sia di competenza di una Conferenza Stato-Regioni che ad oggi però non si è ancora riunita.

Il riconoscimento quindi è stato solo il primo passo al quale, per il momento, non ne sono seguiti altri.

Lo stipendio degli OSS con il nuovo CCNL Sanità

Il riconoscimento ha permesso agli OSS di far parte del tavolo della contrattazione nazionale nel quale è stato raggiunto l’accordo per il nuovo CCNL Sanità.

Tuttavia l’accordo non soddisfa particolarmente gli operatori socio sanitari poiché non c’è stata la tanto attesa valorizzazione economica dopo quella professionale.

Gli aumenti garantiti agli OSS impiegati in ambito statale, infatti, sono tra i più bassi della Pubblica Amministrazione tant’è che l’importo lordo è persino inferiore – seppur di poco – alla media nazionale di 85€ lordi.

Aumenti che scatteranno da maggio 2018 mentre per i mesi successivi verrà corrisposto un assegno una tantum contenente anche gli arretrati del 2016 e 2017. Anche in questo caso, però, l’importo ci sembra essere inadeguato all’importanza del ruolo ricoperto.

Ecco le tabelle stipendiali per gli OSS impiegati nel SSN; stipendi che in ambito privato risultano essere persino più bassi.

Stipendio 2009 (vecchio CCNL) Stipendio 2018 (Nuovo CCNL) Incremento Incremento mensile
BS 18.393,84€ 19.209,84€ +816€ 82,50€
BS1 18.968,58€ 19.810,50€ +841,92€ 84,30€
BS2 19.529,30€ 20.395,82€ +866€ 84,00€
BS3 19.928,78€ 20.812,70€ +883,92€ 84,20€
BS4 20.589,69€ 21.503,73€ +914,04€ 84,30€
BS5 21.272,92€ 22.217,32€ +944,40€ 84,40€