Polizia Penitenziaria: in attesa del concorso via libera a 887 assunzioni

Polizia Penitenziaria, lo scorrimento delle graduatorie porterà 887 nuove assunzioni. Una buona notizia per uno dei corpi delle Forze dell’Ordine con la maggiore carenza di personale.

Polizia Penitenziaria: il decreto Milleproroghe approvato al Senato ha dato il via libera a 887 nuove assunzioni attraverso lo scorrimento delle graduatorie dei concorsi.

Una notizia molto positiva per la Polizia Penitenziaria, uno dei corpi delle Forze dell’Ordine con la maggiore carenza di personale.

Lo scorrimento della graduatorie che porterà all’assunzione di 887 unità ha ricevuto il plauso del Sappe, il Sindacato autonomo della Polizia Penitenziaria. Tuttavia, il segretario generale Donato Capece ha ribadito la necessità di reclutare altro personale al più presto, per far fronte all’aumento crescente dei detenuti nelle carceri italiane.

Dati alla mano, infatti, la situazione è allarmante. Ogni giorno in media ci sono 23 atti di autolesionismo e 3 suicidi sventati, mentre ogni 9 giorni un detenuto si uccide. Per garantire la massima sicurezza nelle carceri ci sarebbe bisogno di 7.000 agenti in più, quindi le 887 assunzioni non sono in linea con le reali esigenze operative. Si tratta comunque di un traguardo significativo; adesso la prossima tappa dovrebbe essere l’uscita del bando per il concorso della Penitenziaria volto al reclutamento di 600 nuovi agenti. Un concorso a cui potranno iscriversi sia i civili (ma solo per il 50% dei posti, l’altra metà sarà riservata ai VFP) che coloro che non hanno un diploma.