Vaccini per gli insegnanti: ecco il modello per l’autodichiarazione da presentare alla scuola

Prime indicazioni del Miur e modelli di autocertificazione per genitori e insegnanti: la circolare del Ministero riguardante i vaccini per gli insegnanti.

Vaccini per gli insegnanti? In un comunicato emesso nella giornata di giovedì 17 agosto, il Ministero dell’Istruzione ha inoltrato alle scuole una circolare nella quale ci sono le prime indicazioni per l’autocertificazione vaccinale. Si tratta di linee guida grazie alle quali verrà applicato il decreto legge sui vaccini n. 73 del 7 giugno 2017, convertito con modificazioni dalla legge n. 119 del 31 luglio 2017.

In questo articolo vi spiegheremo bene il senso di questa circolare, soffermandoci in particolare sulle indicazioni del Miur alle istituzioni scolastiche.

vaccini per gli insegnanti
Vaccinazioni obbligatorie a scuola

La circolare del Miur sui vaccini per gli insegnanti

La circolare inviata dal Ministero alle scuole si apre con una premessa, nella quale viene ribadita ancora una volta la necessità di trovare un punto d’incontro, fra Stato e scuole, per la riduzione dei rischi della salute pubblica. Il Miur ribadisce pure che Parlamento e Governo hanno lavorato assieme, in questi mesi, per fare in modo che le scuole possano collaborare alla tutela della salute collettiva, sempre nel pieno rispetto del diritto all’istruzione.

L’articolo 3-bis del decreto legge sulle vaccinazioni stabilisce che, a partire dall’anno scolastico 2019-20, le scuole non dovranno far altro che trasmettere l’elenco degli studenti e alunni iscritti fino a 16 anni di età alle Asl locali, le quali dovranno restituirlo indicando coloro che non risultano in regola con gli obblighi vaccinali.

La mancata presentazione della documentazione che attesta gli obblighi vaccinali nella scuola dell’infanzia comporterà la decadenza dell’iscrizione. Per i gradi di istruzione successivi, invece, non sono previste ricadute sull’iscrizione al servizio scolastico.

Grazie a questa legge, continua il Miur, gli adempimenti previsti per le scuole saranno semplificati, dato che comunque non saranno gli istituti scolastici ad acquisire le certificazioni delle vaccinazioni, bensì le Asl, alle quali le scuole dovranno solo mandare l’elenco dei propri studenti fino a 16 anni tramite il sistema informativo del Ministero.

E per quanto riguarda la fase transitoria?

Tutto ciò di cui vi abbiamo parlato sopra sarà valido a partire dall’anno scolastico 2019-20. E per i prossimi due anni, invece? Il Miur specifica che per gli anni scolastici 2017-18 e 2018-19 saranno valide le modalità transitorie stabilite dalla legge, che potranno essere eventualmente semplificate in base agli accordi tra Uffici Regionali e Asl, soprattutto per agevolare genitori e scuole.

Ricordiamo che la legge in questione estende a 10 le vaccinazioni obbligatorie gratuite per gli alunni da zero a 16 anni. Dispone, quindi, l’obbligo per le Regioni ad assicurare a tutti l’offerta attiva e gratuita. Per dare un’occhiata al calendario vaccinale non dovete far altro che cliccare sul sito del Ministero della Salute.

Nella suddetta fase transitoria, quindi, le scuole devono innanzitutto acquisire la documentazione vaccinale e segnalare alle Asl di competenza l’eventuale mancata presentazione della documentazione. In caso di esonero dalle vaccinazioni dovrà essere presentato un documento rilasciato dalle autorità sanitarie competenti.

Le scadenze entro le quali presentare la dichiarazione

C’è tempo fino al 10 settembre 2017 (scuole dell’infanzia e sezioni primavera) e 31 ottobre 2017 (tutti gli altri gradi di istruzione) per presentare la documentazione relativa all’anno scolastico 2017-18 (quello odierno).

Entro il termine di 10 giorni da queste scadenze il dirigente scolastico dovrà segnalare alla Asl l’eventuale mancata consegna della documentazione da parte delle famiglie. La documentazione, inoltre, dovrà essere presentata anche per quelle alunne e alunni che sono già iscritti ad una determinata scuola.

Coloro che presentano una dichiarazione sostitutiva, invece, dovranno poi comprovare (entro il 10 marzo 2018) che le vaccinazioni sono avvenute. Il Miur invita quindi i dirigenti scolastici a informare immediatamente i genitori sui nuovi obblighi vaccinali. Il Ministero, inoltre, darà il via, già a partire da questo anno scolastico, a iniziative di formazione del personale docente sui temi della prevenzione sanitaria e sulle vaccinazioni.

Potete scaricare qui sotto i vari modelli per l’autodichiarazione, nonché la circolare intera del Ministero:

Circolare

Modello dichiarazione genitori

Modello dichiarazione docenti e ATA