Juventus campione d’Italia 2016-17, scudetto alla 36a giornata se…

Juventus campione d’Italia 2016-17, scudetto alla 36a giornata se i bianconeri vincono o pareggiano questa sera all’Olimpico con la Roma. Ecco tutte le combinazioni sull’assegnazione del titolo.

Juventus campione d’Italia 2016-17: è quanto sperano di cantare i tifosi bianconeri già questa sera, quando all’Olimpico la squadra di Massimiliano Allegri sfiderà la Roma nel posticipo della 36a giornata di Serie A. Perché la Roma? Cosa c’entrano i giallorossi con il destino della Juve? Ve lo spieghiamo subito.

Juventus campione d’Italia se…

Il destino dei bianconeri è strettamente legato a quello della Roma, che dopo la vittoria del Napoli a Torino è terza e ha 78 punti, sette in meno di quelli della Juve, un gap incolmabile nelle ultime due partite della stagione se la partita dovesse concludersi con il segno «X» o il «2».

Archiviata la finale di Champions League che la Juventus giocherà contro il Real Madrid il prossimo 3 giugno a Cardiff, i bianconeri hanno la possibilità di fare un gran balzo verso lo scudetto. Sì, perché il titolo potrebbe arrivare già questa sera all’Olimpico, con due giornate di anticipo. Ricordiamo, infatti, che le prossime partite dei bianconeri saranno in casa contro il Crotone e poi chiuderanno in trasferta con il Bologna.

La Juve non deve perdere contro la Roma

Attualmente i bianconeri sono in vetta alla classifica di Serie A con un bottino di 85 punti, mentre la Roma è ferma a 78: ha quindi 7 lunghezze in meno rispetto alla capolista a tre giornate dalla fine. Allegri aveva affermato che per vincere questo scudetto la Juve avrebbe dovuto fare 90 punti: in realtà ne serviranno meno, a Buffon e compagni, per conquistare il sesto titolo consecutivo, dato che la Roma, dopo la sconfitta nel derby con la Lazio, potrà arrivare al massimo a 87 punti.

Totti segna contro la Juventus

Per la Juventus, perciò, è imprescindibile non perdere a Roma: in tal modo arriverebbe a 86 (con un pari) o a 88 punti (con un successo) e avrebbe la matematica certezza del titolo.

E se la Roma vincesse?

Discorso diverso nel caso la squadra di Luciano Spalletti dovesse vincere contro la Juventus questa sera all’Olimpico. Una vittoria dei giallorossi, infatti, terrebbe ancora aperta la corsa scudetto, nonostante la Juve difficilmente sbaglierà nel prossimo turno di campionato contro il Crotone allo Juventus Stadium. In questo caso la festa scudetto della Juventus sarebbe solo rimandata.

Non dimentichiamoci, però, che mercoledì 17 maggio alle 21 Buffon e compagni dovranno affrontare la Lazio di Inzaghi nella finale di Coppa Italia, un appuntamento davvero importante che la Juventus non può permettersi di sbagliare se vuole ambire al tanto agognato triplete di cui si parla tanto in questi giorni.

La corsa al secondo posto

La corsa scudetto della Roma passa anche dal secondo posto. I giallorossi, infatti, sono stati appena sorpassati in classifica dal Napoli di Maurizio Sarri e vorranno provare a vincere lo scontro diretto con i bianconeri anche e soprattutto per riprendersi il secondo posto in classifica. Attualmente i giallorossi hanno due punti in meno della squadra partenopea e dovranno mettercela tutta per ridurre il gap con gli avversari e riportarsi in tal modo al secondo posto. La corsa ala secondo posto è di vitale importanza perché permette di evitare i pericolosossimi preliminari di Champions League. Negli ultimi anni, infatti, le squadre italiane che li hanno disputati sono sempre state eliminate.

Vincere con la Juve, insomma, permetterebbe alla compagine di Luciano Spalletti di riprendersi la seconda posizione in classifica. Totti e compagni, fra l’altro, dovranno giocare fuori casa con il Chievo nell’anticipo di sabato della 37ª giornata e poi chiuderanno la stagione fra le mura domestiche contro il Genoa. Quest’ultima sarà una partita particolarmente importante per tutto il popolo romanista. Non solo, infatti, decreterà quale sarà il piazzamento finale della squadra in campionato, ma sarà anche l’ultima partita di capitan Totti con la maglia giallorossa.

Il capitano della squadra, infatti, dovrà dire addio alla causa giallorossa, ma per lui è già pronto un futuro da dirigente nella società. Voci di corridoio, però, lo vorrebbero in America a giocare nel campionato della Major League assieme a suoi tanti ex compagni di nazionale come Pirlo e Giovinco. Chissà se questo sarà anche l’ultimo anno da calciatore di una delle ultime bandiere del calcio come Francesco Totti. Lo sapremo solo il 28 maggio, ovvero dopo l’ultima giornata di Serie A 2016-17.