Quanto guadagna Mino Raiola: stipendio del procuratore sportivo

Mino Raiola è uno dei più famosi procuratori sportivi del mondo. Complice la vicenda Donnarumma, l’italo-olandese torna a far parlare di sé per i suoi incassi da capogiro.

Quanto guadagna Mino Raiola? Sono in molti a porsi questa domanda, ora che anche con il portiere del Milan, Giggio Donnarumma, il procuratore italo-olandese è pronto ad incassare cifre da capogiro per un suo eventuale trasferimento. Diciamo subito che Mino Raiola guadagna in funzione ai contratti che riesce a far chiudere fra i suoi assistiti e le società sportive. A questo guadagno vanno poi aggiunte le varie percentuali che il procuratore trattiene direttamente dall’ingaggio del top player di turno.

Chi è Mino Raiola, procuratore di Gianluigi Donnarumma

Carmine Raiola, al secolo Mino, è di origine campana ma la sua famiglia si trasferì in Olanda quando era ancora un bambino. Lì mosse i primi passi nella società sportiva dell’Haarlem, più fuori che dentro il campo da calcio. Il suo primo colpo di mercato come agente è stato quello che portò Bergkamp all’Inter per 25 miliardi di lire negli anni Novanta. Poi fu la volta di Nedved alla Juventus (che sborsò una cifra di 70 miliardi nelle casse della Lazio di Cragnotti. Mentre gli affari più recenti riguardano i trasferimenti di Ibrahimovic e Pogba al Manchester United, senza contare i vari contratti che è riuscito a far chiudere a Balotelli per cifre da capogiro.

Nonostante Ibra lo abbia soprannominato “gnomo ciccione, mafioso e pizzaiolo“, lui ha dimostrato con i fatti di avere fiuto per gli affari. Ricordiamo, poi, che Raiola è anche un avvocato, quindi percepisce compensi anche per la preparazione dei contratti dei suoi assistiti.

Donnarumma, insomma, è solo l’ultimo giovane calciatore con il quale Mino Raiola ha a che fare. L’intervento del procuratore circa il futuro del giovane portiere del Milan sottolinea una volta di più l’importanza di queste figure all’interno del mondo del pallone. Sono in molti, però, a chiedersi se i procuratori non siano uno dei mali dei quali il calcio non ha davvero bisogno.

Gianluigi Donnarumma

Quanto guadagna Mino Raiola, ecco lo stipendio del procuratore sportivo

Partiamo dal presupposto che in Serie A i procuratori sportivi si mettono in tasca una cifra vicina ai 200 milioni di euro. Un dato, questo, che emerge dai conti pubblicati dalla FIGC relativi all’anno 2016. Nella passata stagione, infatti, le società di Serie A avrebbero versato nelle tasche dei procuratori 193,3 milioni di euro, con una media di circa 9,6 milioni per ciascuna squadra.

Le big, ovviamente, sono quelle che spendono di più, con la Juventus in testa: oltre 51 i milioni di euro sborsati dai bianconeri per pagare i procuratori dei propri calciatori.

Tanto per fare un esempio, l’anno scorso ci fu l’affare Pogba, che dalla Juventus si trasferì al Manchester United per una cifra di 105 milioni di euro pagabili in due anni.

Un’operazione, questa, che ha portato una plusvalenza di 72,6 milioni di euro nelle casse della Juve. Ma molto dipende da quanto ha incassato Mino Raiola per portare il francese alla corte dei Red Devils.

Circa 4,7 milioni, infatti, sono i costi residui di Pogba delle varie commissioni pagate negli anni al suo procuratore. Poi c’è un contributo di solidarietà di circa 2,7 milioni che hanno incassato Le Havre, Torcy e Roissy-en-Brie in quanto club che hanno cresciuto il giocatore. Infine Raiola avrebbe incassato una commissione di circa 25 milioni per questo trasferimento.

L’anno scorso, quindi, con i trasferimenti di Pogba, Ibrahimovic e Mkhitaryan, l’italo-olandese avrebbe incassato una cifra mostruosa per un procuratore: più di 50 milioni di euro. Ovviamente l’incasso va alla sua società, intitolata Topscore Sports Limited (con sede legale a Londra), che cambia nome almeno una volta all’anno come dimostrato in questo portale del governo britannico.

I suoi stimati 80 milioni di euro percepiti nell’intera carriera da procuratore, quindi, non sono mica piovuti dal cielo e per rispondere alla domanda che ci siamo posti all’inizio di questo articolo (ovvero “quanto guadagna Mino Raiola”?) la risposta è molto semplice: tanto.